Pubblicazioni

Koinètica cura la pubblicazioni di varie collane: approfondimenti di aspetti teorici della comunicazione della sostenibilità, strumenti di divulgazione per avvicinarsi ai temi e raccolte di esperienze virtuose di molte organizzazioni italiane.

Pubblicazioni

Sostenibilità e comunicazione non convenzionale. Con 20 interviste impossibili
EGEA, Milano 2020

Quante volte in un giorno capita di sentire la parola sostenibilità? Da quando ho iniziato ad occuparmi di questo argomento sono passati venti anni e, anche se oggi il termine è forse troppo utilizzato, posso affermare che la consapevolezza delle persone e delle organizzazioni è decisamente cresciuta. Sono cambiati due fattori: da un lato è migliorata la conoscenza dei problemi del pianeta e della società e dall’altro è aumentata la volontà di modificare il nostro modo di vivere, consumare, produrre. Ma se le aziende stanno cambiando il modo stesso di fare impresa, come cambia la comunicazione dell’impegno sociale e ambientale? Quando la sostenibilità è veramente un driver strategico il primo segnale è la modifica della relazione con gli stakeholder che vede l’utilizzo di linguaggi e strumenti diversi. In questa fase di cambiamento cresce anche il marketing non convenzionale, tecnica che mette al centro di tutto l’interattività con l’obiettivo di stupire ma soprattutto di ingaggiare le persone. Il volume si chiude con 20 interviste impossibili, brevi colloqui con personaggi a cui dobbiamo essere grati per il ruolo che hanno avuto nella crescita della cultura della sostenibilità (anche se allora non si chiamava così). Nei miei colloqui immaginari ho coinvolto persone vissute molti anni fa ma anche scomparse da poco: Girolamo Azzi, Judi Bari, Howard Bowen, Berta Cacères, Rachel Carson, Antonio Cederna, Barry Commoner, Laura Conti, Alexander Langer, Ernst Haeckel, Julian Huxley, Alexandre King, Wangari Maathai, Danilo Mainardi, Chico Mendez, Giorgio Nebbia, Aurelio Peccei, Bertrand Russell, Luis Sepulveda, Dorothy Stowe.

Scopri di più


Eventi sostenibili. Opportunità e criticità
Wolters Kluwer, Milano 2019

L'ebook vuole portare l'attenzione sul tema della sostenibilità degli eventi e soprattutto intende offrire agli operatori (promotori, organizzatori, fornitori di beni e servizi, location) alcuni suggerimenti concreti per certificare il sistema di gestione secondo lo standard ISO 20121 che incorpora alcuni elementi caratteristici della Linea Guida ISO 26000. Il primo capitolo dell'opera introduce il tema della sostenibilità, un argomento di cui oggi tanto si parla. La chiave di lettura proposta è chiara: oggi la sostenibilità (la capacità di coniugare il business con l'impegno sociale e ambientale) è una scelta "obbligata" per le organizzazioni che vogliono crescere e durare nel tempo. Nel secondo capitolo viene proposta una riflessione sull'importanza dell'evento come strumento di comunicazione, ancora più utile se inserito nella strategia di comunicazione integrata dell'organizzazione che lo promuove. Si entra nel vivo del discorso nel terzo capitolo, dove vengono indicati alcuni suggerimenti per progettare e organizzare eventi sostenibili, e nel quarto capitolo che offre una panoramica di interessanti case histories. Nel quinto capitolo viene presentato un focus su Il Salone della CSR e dell'innovazione sociale, manifestazione che ha ottenuto e mantenuto nel tempo la certificazione ISO 20121. L'ebook si conclude con le soluzioni per trasformare un evento in un evento sostenibile e riflessioni sui vantaggi che ne derivano.

Scopri di più


Sostenibilità, competitività, comunicazione. 20 idee per il futuro
EGEA, Milano 2018

In pochissimi anni la sostenibilità ha fatto grandi passi ed è entrata nell’agenda politica oltre che nella strategia di tante organizzazioni. Molte le trasformazioni in corso: dal cambiamento nel linguaggio ai mutamenti negli stili di vita e di consumo; dai fattori che influenzano il mercato a leggi e regolamenti che ridisegnano le regole del gioco. Le imprese stanno modificando processi, prodotti, governance in chiave sostenibile e numerosi sono gli esempi di progetti che affrontano la sostenibilità con focus diversi. Al di là dei molti problemi ancora aperti, anche la Pubblica Amministrazione sta innovando, attraverso iniziative finalizzate a creare un sistema più sostenibile e a coinvolgere i cittadini, a livello sia centrale sia locale. Ma quale contributo offre un approccio sostenibile in termini di competitività? E, soprattutto, come va comunicato per essere realmente efficace? Per rispondere a queste domande in termini operativi, il libro spiega come impostare e sviluppare un piano di comunicazione capace di valorizzare l’impegno sociale e ambientale di un’organizzazione. A questi suggerimenti si accompagnano le idee di venti esperti su come rendere più sostenibile il nostro futuro: Marco Frey, Massimo Campedelli, Enzo Argante, Anna Puccio, Filippo Addarii, Marco Nannini, Dario Bolis, Giorgio Fiorentini, Luisa Crisigiovanni, Giangi Milesi, Enrico Testi, Stefano Rolando, Elio Borgonovi, Franca Roiatti, Elena Bonanni, Giampaolo Colletti, Fabio Ventoruzzo, Emanuele Nenna, Piermario Barzaghi, Sabina Alzona.

Scopri di più


Comunicazione e sostenibilità. 20 tesi per il futuro
EGEA, Milano 2016

Essere responsabili, trasparenti, coerenti oggi non è più sufficiente: bisogna modificare il modo stesso di concepire le relazioni nei processi decisionali e nelle strategie di comunicazione. Ma si sta veramente passando da un approccio tattico a una visione strategica della sostenibilità? Le organizzazioni, in particolare le imprese, hanno compreso fino in fondo l’importanza di adottare politiche responsabili e di comunicare questo impegno al proprio interno, agli stakeholder esterni e agli influencer? L’autrice procede con metodo a illustrare il percorso e gli attori (imprese, PA, Terzo Settore) della responsabilità sociale d’impresa; le caratteristiche di una comunicazione inline efficace, capace cioè di integrare strategie off e online; le modalità operative per la stesura di un piano di comunicazione finalizzato a valorizzare gli impegni sociali e ambientali di un’organizzazione. L’ultima parte del libro è uno sguardo al futuro: 20 tesi per una comunicazione della sostenibilità utile per l’organizzazione che la realizza ma anche per i suoi stakeholder, a firma di Paolo Anselmi, Laura Cantoni, Ilaria Catastini, Stefano Cianciotta, Emilio Conti, Paolo D’Anselmi, Danilo Devigili, Andrea Di Turi, Giuseppe Mazza, Toni Muzi Falconi, Ivana Pais, Francesca Panzarin, Livia Piermattei, Sebastiano Renna, Stefania Romenti, Massimo Sumberesi, Roberta Testa, Luca Testoni, Sergio Vazzoler, Elena Zanella.

Scopri di più


Altre pubblicazioni:

  • Luce sul sociale! Parole, misure, strumenti per la comunicazione sociale, Astragalo – Collana Komunica, Novara 2015
  • Comunicazione sociale, Carocci Editore, Roma, 2014 (con Francesca Romana Puggelli)
  • Pubblicità Progresso. La comunicazione sociale in Italia, ERI RAI, Roma, 2011 (con Roberto Bernocchi)
  • Oltre la CSR. L’impresa del Duemila verso la Stakeholder Vision, Isedi, Milano, 2009 (con Luigi Ferrari e Sebastiano Renna)

Le pubblicazioni, edite da EGEA, dedicate ai protagonisti delle edizioni del Salone della CSR con le riflessioni dei docenti del Comitato scientifico e di esperti del settore. Per informazioni sull'acquisto inviare una mail a koinetica@koinetica.it


I volti della sostenibilità

L’edizione 2020 ha come titolo “I volti della sostenibilità” ed è dedicata alle persone che fanno della responsabilità sociale un impegno quotidiano:
modificando il modo di fare impresa, migliorando la relazione con gli stakeholder, sviluppando progetti per il benessere dei dipendenti, rinnovando il rapporto con i fornitori, realizzando iniziative a favore della comunità… Un impegno continuo in una visione sistemica che deve coinvolgere tutti gli attori
sociali. In questo libro il lettore potrà incontrare virtualmente alcune organizzazioni che partecipano come “Protagoniste” dell’edizione 2020: attraverso il racconto dei loro progetti sarà possibile conoscere meglio le loro attività e il loro impegno. Ma potrà trovare anche le rifl essioni di alcuni membri del Comitato scientifi co e i contribuiti del Gruppo promotore: il volume è infatti il risultato di un lavoro collaborativo coerente con lo spirito del Salone. La parte centrale del libro è articolata in sei percorsi dedicati ai principali stakeholder – ambiente, clienti, comunità, dipendenti, fornitori, investitori – che rispecchiano l’impostazione del programma culturale del Salone 2020. Il fi lo conduttore è la responsabilità delle persone: ognuno può essere contemporaneamente cittadino, cliente, dipendente o imprenditore e tutti sono chiamati ad attivare un cambiamento nei comportamenti d’acquisto, nei modi di lavorare, nelle scelte di investimento. Perché la sostenibilità può avere volti diversi ma ha un unico obiettivo: migliorare la vita delle persone e del pianeta. Il Salone è promosso da Università Bocconi, CSR Manager Network, Global Compact Network Italia, ASviS - Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, Fondazione Sodalitas, Unioncamere, Koinètica.

Anno: 2020

Leggi l'indice


I territori della sostenibilità

Un percorso alla scoperta di esperienze innovative e di progetti di valore: questa edizione de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale, si è articolata in due modalità di “viaggio”.
Il Giro d’Italia della CSR che si è concluso a fine maggio dopo 12 tappe in 10 regioni) e l’edizione nazionale (Università Bocconi, 1 e 2 ottobre 2019), un percorso nei territori della mente, geografie del pensiero dove le idee nascono, crescono e si trasformano.

Questa pubblicazione rappresenta il “lascito” dell’edizione 2019: anche questo volume, come i precedenti, è il risultato di un lavoro collaborativo, una sorta di antologia con un mix di riflessioni teoriche e di progetti concreti realizzati da organizzazioni che partecipano alla 7° edizione del Salone 2019.
Il libro è articolato in quattro parti: nel primo capitolo si parla di territori, delle tappe del Giro d’Italia della CSR, dei percorsi del Salone e dei Cantieri per la sostenibilità.
Nella seconda parte il volume presenta alcune iniziative interessanti realizzate dalle organizzazioni protagoniste. Nella terza parte sono raccolti i contributi del Comitato scientifico sui percorsi della 7° edizione e nella quarta alcune riflessioni sul futuro.
Un evento come il Salone è un’occasione per condividere un percorso che deve portarci verso uno sviluppo sempre più sostenibile. Per farlo è necessario ingaggiare tutti gli attori sociali, dalle amministrazioni pubbliche alle organizzazioni del Terzo Settore, alle imprese.
Il Salone è promosso da Università Bocconi, CSR Manager Network, Fondazione Global Compact Network Italia, ASviS - Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, Fondazione Sodalitas, Unioncamere, Koinètica.

Anno: 2019

Leggi l'indice


Le rotte della sostenibilità

Le rotte della sostenibilità, titolo della sesta edizione de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale e di questo volume, si ispira al viaggio in mare ed è dedicato a chi vuole cavalcare le onde della conoscenza, condividere il cammino con i nuovi compagni, arrivare alla meta e ripartire più ricco di idee. Con la consapevolezza che la rotta può cambiare ma i valori rappresentano la bussola per tutte le organizzazioni responsabili.
Questo terzo volume della collana è, come sempre, un lavoro corale. Il libro raccoglie infatti le riflessioni di tanti attori: docenti del Comitato scientifico, imprese, esperti sui temi dei sei percorsi che caratterizzano il programma di questa edizione: Circular economy, Diversity & Inclusion, Finanza responsabile, Innovation & Change, Processi e filiere sostenibili, Smart community & Smart city.
Al centro dell’attenzione resta l’Agenda 2030 e i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, la rotta principale per le organizzazioni che credono nel cambiamento. La vera sfida è scegliere le vie per arrivare in porto e il percorso più efficace con la consapevolezza che le rotte possono incrociarsi o cambiare a fronte di mutate condizioni.

Anno: 2018

Leggi l'indice


L'arte della sostenibilità

Essere sostenibili è una scelta non rimandabile. La strada verso un modello economico più responsabile è iniziata e non si torna più indietro: cresce la consapevolezza che è necessario adottare una visione nuova passando da una cultura centrata unicamente sul profitto a un approccio dove diventano importanti la relazione con gli stakeholder e la creazione di valore condiviso.

Il secondo volume della collana realizzata per Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale è, come il precedente, un lavoro corale. La pubblicazione raccoglie infatti riflessioni, esperienze, interviste di tanti attori: docenti universitari, esperti di discipline diverse, imprese. Perché essere sostenibili è un’arte. Il concept di questa edizione recita infatti: L’arte della sostenibilità, ovvero la bellezza del fare bene e il piacere di condividere passioni, valori, risultati: la sostenibilità come visione per il futuro. Per costruire nuove prospettive in sistemi interconnessi dove i tempi sono accelerati e solo il cambiamento è immutabile.

Anno: 2017

Leggi l'indice


L'impresa di domani. Innovativa, sostenibile, inclusiva.

Questo libro, realizzato in occasione della quarta edizione de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale, è un lavoro corale e offre numerosi spunti di riflessione. È un viaggio nel mondo della CSR per mettere a fuoco come è cambiato il modo di fare impresa. Un percorso che, nelle prime due parti, presenta le riflessioni dei componenti del Comitato scientifico e alcuni brevi saggi di esperti internazionali sul futuro della CSR. Nella terza parte viene dato spazio ai protagonisti del Salone: le organizzazioni che non solo credono nella sostenibilità ma ne hanno fatto una scelta strategica. Attraverso dialoghi e interviste è possibile conoscere da vicino chi sta guidando un cambiamento che appare oggi sempre più urgente in una logica capace di coniugare coesione sociale, innovazione e competitività.

Anno: 2016

Leggi l'indice

Le pubblicazioni del network CSRnatives, curate dal team editoriale della rete. Per leggere e scaricare i libri, visita il sito.


Diversità? Noi la chiamiamo unicità.
I CSRnatives alla ricerca di teorie e pratiche virtuose di inclusione

L’e-book di quest’anno – nona pubblicazione del nostro network – affronta il tema dell’inclusione e della diversità, sui quali i media e le aziende si stanno molto concentrando. Forse troppo spesso in maniera strumentale.
Se tra voi lettori e lettrici qualcuno partirà con l’idea che la “diversity” sia l’appartenenza a gruppi sociali “minoritari”, avrà percepito sin dalle prime pagine cambierà idea: ogni persona ha un proprio patrimonio e un’unicità – quindi anche di diversità - che possono essere valorizzati. La diversità è un elemento fondamentale per proporre idee eterogenee, trovare soluzioni innovative e creare armonia sul lavoro – seppur con tutte le difficoltà del caso.
L’ebook, quindi, ruota attorno a due poli, quello dell’inclusione e quello della diversità, declinandoli all’interno di due macro-contesti: quello sociale e quello aziendale.
Attraverso una trattazione teorica e vari case study, frutto delle nostre interviste, viene presentato un panorama vario.
Per quanto riguarda l’inclusione, i case study proposti si sono soffermati sull’immigrazione, la disoccupazione e l’emarginazione sociale, senza trascurare il tema – oggi particolarmente importante – del divario digitale (digital divide).
Per quanto riguarda la diversità, invece, i case study spaziano dalla diversità di genere e di orientamento sessuale, alle diversità etnico-culturali, alla neurodiversità.
Buona lettura!

Anno: 2020


COVID-19: diario di una quarantena. La sostenibilità come risposta

L'ebook nato dalle riflessioni di 10 CSRnatives che nel periodo di lockdown si sono confrontati sul tema della sostenibilità.

Una raccolta di riflessioni maturate durante il periodo di lockdown: considerazioni sullo smart working ma anche sulle iniziative di solidarietà digitale, affondi sul tema della sostenibilità e della CSR e, soprattutto, uno sguardo rivolto al futuro... per come sarà e per come i CRSnatives vorrebbero contribuire a costruirlo!
11 articoli (7 già presenti sul blog + 4 contributi inediti!) a partire dall’agenda immaginaria di due amici, Dario e Alice, scandita da una routine che ha dovuto completamente riconfigurarsi a causa della pandemia in corso.
Buona lettura!

Anno: 2020



Vivere sostenibile.
Il consumo responsabile in Italia raccontato dai CSRnatives

Per anni consumismo è stato sinonimo di benessere e crescita economica. E solo ora, a distanza di anni, ci siamo resi conto che l'acquisto indiscriminato che domina la nostra quotidianità ha delle conseguenze. Qualcosa, tuttavia, sta cambiando. Il consumatore contemporaneo si mostra attento a determinati elementi, e la crisi economica del 2008 ha contribuito a ripensare le modalità di consumo in termini più ampi. (...) Il 2019, a nostro avviso, costituisce però un anno di svolta. Mai come in precedenza il dibattito sull’urgenza di adottare e implementare misure di salvaguardia del pianeta è stato portato alla luce da tutti. Il consumo investe la nostra quotidianità e merita di essere approfondito. Abbiamo quindi deciso di farlo, affrontando quattro ambiti nei quali si dispiegano le nostre azioni quotidiane, e che quindi ci "toccano" più da vicino: nutrirsi, vestirsi, abitare e muoversi. La nostra speranza è quella di fornire, portando esempi concreti e vicini, qualche consiglio utile a chiunque abbia deciso o stia decidendo di innescare un cambiamento positivo; una sorta di “bigino” da consultare per indirizzare le proprie scelte di consumo.

Anno: 2019


Il lato buono della finanza. Parliamo di investimenti sostenibili

“Non si può fare una frittata senza rompere le uova” recita un antico adagio. Così come non si può fare qualcosa di utile senza metterci le mani, “sporcandosele” all’occorrenza.
La sostenibilità, le buone pratiche, le buone convinzioni e i buoni propositi non possono restare chiusi in una astratta purezza ma devono entrare nei meccanismi della vita per poter davvero cambiare il mondo. Tra questi “meccanismi” la finanza rappresenta il motore di cambiamento più potente perché mette in relazione risorse con aspettative, realizzazione con obiettivi. Eppure la finanza è stata, per certi aspetti, l’ambito più lontano dalla sostenibilità tutta chiusa in sé stessa e alla ricerca del solo proprio profitto. è stata lontana dalla sostenibilità ambientale e da quella sociale ma anche lontana, talvolta antitetica, perfino dalla stessa sostenibilità economica come la crisi del 2008 (quella generata dai mutui subprime negli Usa) ha mostrato nelle sue brutali conseguenze. Questo E-book parte da qui, dal fatto che le cose stanno rapidamente cambiando, da una crescita e uno sviluppo della finanza sostenibile che da nicchia di mercato per “sognatori” pervade sempre di più ogni comparto dell’economia “aggiungendo valore al valore”, e dimostrando che la sostenibilità, oltre all’eticità, in economia e in finanza paga sempre di più. è più di un messaggio di speranza quello che i CSRnatives vogliono lanciare attraverso questa pubblicazione. Si tratta di una vera e prorpia radiografia dello stato dell’arte di una realtà, la finanza etica e sostenibile appunto, che da strumento sta diventando volano e quindi fattore di sviluppo di attività le più diverse ma tutte all’insegna della sostenibilità. Una radiografia precisa nella prima parte che si avvale del contributo di esperti del settore intervistati dai CSRnatives nella seconda parte.

Buona lettura

Anno: 2018



Il pianeta di domani.
Prospettive di sostenibilità ambientale

Verba volant… e, in questo caso, è un bene che sia così. Perché le parole devono davvero volare, spargersi nell’aria per arrivare ovunque. Parole che hanno un peso, parole che non descrivono altre parole ma azioni green, azioni concrete.
Scripta manent, dunque, abbiamo voluto che queste parole trovassero una ulteriore loro concretezza, diventassero testo, insomma da “verbo” a “carne”.
Così è nato il terzo volume della collana ebook CSRnatives, suddiviso in tre parti che poi, in fondo sono tre punti di vista convergenti. Nella prima parte 10 CRSnatives ci parlano di 10 azioni green che riguardano il rapporto tra organizzazioni economiche e sostenibilità ambientale. Logistica, efficienza, energia, riciclo, biodiversità, educazione, progettazione, territorio, per ogni ambito troviamo una definizione, uno stato dell’arte ma anche uno sguardo prospettico. La sostenibilità negli occhi dei CSRnatives è molto più di un traguardo, è un processo, è un fare da subito. La seconda parte ci racconta di 10 aziende attraverso le interviste realizzate dai CSRnatives, 10 aziende di diversa dimensione e di diverso “nome” descrivono 10 modi di trasformare la parola sostenibilità ambientale in azioni. Infine, nella terza parte, sono le aziende che sostengono la rete dei CSRnatives a parlare in prima persona, a darci conto delle loro motivazioni, di come e quando hanno deciso di “sostenere la sostenibilità”.
Buona lettura.

Anno: 2017


L'azienda che vorrei

Dopo Sostenibilità peer to peer, il volume che ha inaugurato la collana CSRnatives, ecco un nuovo prodotto editoriale realizzato dai membri più attivi del network. Il secondo volume di questa collana è dedicato all’impresa che vorrei: che caratteristiche dovrebbe essere l’azienda ideale dove lavorare? Cosa dovrebbe offrire alle persone che passano molta parte della loro vita all’interno dell’organizzazione? Bastano servizi di welfare efficienti, proposte di mobilità sostenibile, programmi di formazione? Come il primo volume, anche questa pubblicazione è articolata in tre parti: nella prima viene proposto un glossario con le parole più importanti per definire il welfare aziendale; nella seconda sono state inserite alcune interviste a imprese e start up; nella terza parte viene proposto un manifesto con le caratteristiche che, secondo i CSRnatives, dovrebbero distinguere le imprese più responsabili e sostenibili nei confronti dei loro collaboratori.
Dalla lettura della pubblicazione emerge un concetto chiaro: l’impresa non è un’isola ma un organismo complesso fatto di anima (vision, mission, valori, storia, relazioni, fiducia) e di corpo (organizzazione del lavoro, risorse, strumenti, sistemi, persone). Un organismo che vive e si alimenta con l’impegno di tutti.
Un grazie di cuore alle imprese che credono in questi principi e che partecipano in modo attivo alle attività della nostra rete!
Buona lettura!

Anno: 2016


Sostenibilità peer to peer

Una rete di studenti universitari che si sentono CSRnatives, ovvero che hanno passione per la sostenibilità e l’innovazione sociale, che stanno costruendo competenze in questi ambiti, che vorrebbero diventare i CSR manager di domani. In Italia mancava uno spazio dove discutere, confrontarsi, approfondire questi argomenti: per questo è nato a marzo 2015 il network CSRnatives che oggi conta circa 80 membri. E per rendere più interessante il confronto il network dà spazio anche alle imprese responsabili che vogliono coinvolgere in modo nuovo i giovani, ascoltare le loro opinioni, condividere idee e progetti. Per valorizzare le organizzazioni che investono, oltre che nella sostenibilità, anche sulla capacità dei giovani di diventare innovatori sociali. Un primo prodotto della rete è Sostenibilità peer to peer, il volume che inaugura la collana CSRnatives, scritto dai membri più attivi e dedicato idealmente a quei giovani che hanno meno occasioni di apprezzare il ruolo della responsabilità sociale per lo sviluppo dell’impresa. La pubblicazione è articolata in tre parti: un glossario di 30 termini per conoscere le parole chiave della CSR; 15 interviste alle imprese per capire cosa significa concretamente “fare CSR” in azienda; 10 attitudini e competenze che un CSR manager dovrebbe avere. Completa il volume una breve presentazione delle imprese che hanno sostenuto il network nel 2015. CSRnatives è un’iniziativa di Koinètica e Andrea Di Turi.

Buona lettura!

Anno: 2015


Altre pubblicazioni:

  • Dalla carta alla carta. Viaggio nella sostenibilità: dalla cellulosa agli imballaggi
  • Smart e sostenibili. Le sfide dell'urban delivery

Le pubblicazioni delle collane Imprese responsabili e Innovazione consapevole di CSRPiemonte, progetto di Regione Piemonte. Per leggere e scaricare i libri, visita il sito.


Fare rete per la sostenibilità
L'obiettivo è duplice: far conoscere alcune buone pratiche di reti di imprese sostenibili e fornire strumenti per creare nuovi network in aree dove esistono organizzazioni che hanno fatto della responsabilità sociale un driver strategico e vogliono collaborare per far crescere la cultura della sostenibilità. La pubblicazione rappresenta un lavoro corale: sono stati infatti coinvolti i referenti di reti di imprese che, con la loro testimonianza, hanno permesso di definire alcuni passaggi importanti nella vita di questi network. Dalla lettura delle esperienze fatte nei diversi territori emergono suggerimenti, idee, criticità, potenzialità. E spunti di riflessione utili a chi intenda creare una nuova rete d'imprese. Il nuovo volume della collana "Imprese responsabili" amplia quindi lo sguardo per andare fuori dai confini della nostra regione e cercare di conoscere esempi di reti tra imprese sostenibili che più funzionano in Italia.

 

 


Imprese, art bonus e CSR
Perchè le imprese responsabili investono in arte e cultura

Oggi per le imprese che hanno fatto della CSR una scelta strategica è ancor più interessante investire in arte e cultura: grazie ad alcuni strumenti come l’Art Bonus o la Tax credit è infatti semplice e conveniente aggiungere valore ai valori dell’organizzazione e migliorare i suoi asset intangibili. Per comprendere le potenzialità di un investimento in cultura è stata realizzata questa pubblicazione che illustra nella prima parte alcune indicazioni sugli strumenti di deducibilità fiscale, mentre nella seconda presenta degli esempi di progetti sostenuti da imprese. L’obiettivo è offrire alle aziende piemontesi uno strumento di aggiornamento per riflettere su alcune nuove opportunità e per conoscere casi interessanti a cui ispirarsi per realizzare nuovi progetti.

 

 


L'innovazione sociale come circolo virtuoso
Nuovi modelli di collaborazione tra profit, no profit, pubblico e privato
I rapporti tra i diversi soggetti che a vario titolo producono effetti sui territori e sulle comunità stanno profondamente cambiando. Da un periodo in cui la Pubblica Amministrazione svolgeva un’azione di forte sostegno, anche e soprattutto economico, al mondo del Terzo Settore, stiamo transitando verso un periodo in cui i processi collaborativi tra PA, associazioni, imprese assumono nuove identità, in cui cambiano modalità, tempi e relazioni. Si vanno affermando nuovi modelli di partnership, ma anche di fundraising e di scambio di vantaggi, in cui il paradigma passa dal chiedere-dare-avere al co-progettare per (“pensiamo insieme a qualcosa che renda a entrambi”). L’obiettivo di questa pubblicazione è offrire alle imprese uno strumento di aggiornamento per riflettere su questi nuovi scenari, proponendo casi, modelli, esperienze che possono essere riprodotti nel proprio contesto socio-economico e innescare ulteriori esempi efficaci.


SI
Il vocabolario della social innovation
Ogni mondo possiede un linguaggio che lo definisce, quella magica alchimia che connette gli elementi, li spiega, li fa comprendere. Oggi siamo davanti a un nuovo mondo, quello della social innovation che, per esistere, ha bisogno di essere spiegato e compreso. Questo l'obiettivo del nuovo volume: accompagnare più persone possibili alla sua scoperta, prima di tutto definendo il significato delle parole che lo raccontano. Questo dizionario raccoglie e spiega neologismi, acronimi, ritmi, vecchie parole per nuovi significati, perché solo attraverso la "parola giusta" l'idea ha la possibilità di esprimersi compiutamente e il nuovo mondo piano piano svelarsi.


Altre pubblicazioni:

  • CSR e Cultura. Responsabilità sociale d'impresa e investimenti culturali: suggerimenti, idee, vantaggi
  • Competitività e processi collaborativi. Reti e filiere tra imprese: i vantaggi delle collaborazioni orizzontali e verticali
  • Semplici, efficaci, innovative: azioni CSR alla portata di tutti
  • Dalla CSR alla Corporate Social Innovation
  • La sostenibilità ambientale: come innovare processi e prodotti in chiave responsabile
  • L'importanza delle risorse umane: focus sul welfare aziendale